Chi è esonerato dall’emissione della fattura elettronica
?
Fattura elettronica
Giusy Pirosa

La fatturazione elettronica è una nuova introduzione, che obbligherà moltissimi, tra professionisti ed aziende, ad adeguarsi ad un nuovo sistema per la gestione dei rapporti a seguito di una prestazione di servizi, oppure della vendita di un bene.

Tuttavia, esistono categorie che possono essere esonerate rispetto all’emissione della fattura elettronica e che potranno, quindi, continuare ad applicare il precedente sistema di emissione delle proprie fatture.

Il miglior software per la fatturazione elettronica

Fattura24
Fattura24GRATIS fino a 15 fatture!
PROVALO GRATIS

La situazione precedente

Prima dell’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica, sono già stati previsti degli oneri relativi a particolari categorie di soggetti, o a prestazioni specifiche.

Ad esempio, dal 1° luglio del 2018 era già stata disposta la necessità di emissione delle fatture elettroniche per le prestazioni riferite al carburante.

Allo stesso modo, si prevedeva tale obbligo anche per chi si occupasse di un appalto, sia come appaltatore diretto, sia come subappaltatore.

Dal 1° gennaio del 2019, invece, non si faranno più particolari distinzioni in merito alle prestazioni, mentre si comprenderanno, tra i soggetti esonerati, solo alcune categorie di professionisti e lavoratori.

Fatturazione elettronica e analogica

Così come indicato anche nelle guide dell’Agenzia delle Entrate, la fatturazione elettronica non eliminerà, ovviamente, la possibilità di emettere la fattura a livello analogico, ossia con la forma cartacea, ma aggiungerà un passaggio in più per alcuni soggetti.

Quindi, si può certamente dire che la fattura analogica e quella elettronica continueranno a coesistere, e anche che in alcune situazioni si potrà scegliere tra l’una o l’altra a seconda delle esigenze.

Chi è esonerato dall’emissione della fattura elettronica

Entrando ancora più nello specifico, si dovrà capire chi sia effettivamente esonerato dall’emissione della fattura elettronica.

Così come stabilito dal testo del 30 aprile del 2018, saranno esclusi dall’obbligo di fatturazione elettronica i seguenti soggetti:

  • Chi aderisca, e applichi, il regime forfettario (previsto dai commi 54-89, art. 1, legge 190/2014);
  • Chi applichi il così detto regime di vantaggio (previsto dai commi 1 e 2, art. 27, decreto legge 98/2011);
  • Chi rientri nella categoria degli agricoltori e dei coltivatori diretti;
  • Chi si occupi di effettuare la cessione di beni, o la prestazione di servizi, nei confronti di soggetti non residenti in Italia, sia per chi sia appartenente all’Unione Europea, sia per chi non vi appartenga.

Quindi, di contro, si può dire che chi effettui una cessione di beni, o prestazione di servizi, nei confronti di soggetti residenti, e non rientri nelle categorie appena citate, sarà obbligato all’emissione della fattura elettronica.

Gli esonerati: i motivi dell’esonero

Si può comprendere come le motivazioni che si trovano dietro l’esonero rispetto all’adesione al sistema di fatturazione elettronica siano rilevanti.

In particolare, chi applichi il regime forfettario, o quello di vantaggio, sarà un soggetto che non avrà un altissimo volume d’affari, e avrà scelto di aderire a tale forma proprio allo scopo di risparmiare.

Per questo, quindi, non li si obbligherà all’emissione delle fatture elettroniche.

Tuttavia, come ha ricordato la stessa Agenzia delle Entrate, questo non significa che a tali soggetti sia fatto divieto rispetto all’emissione di una fattura elettronica, visti gli indubbi vantaggi che derivano dal suo utilizzo.

Il medesimo ragionamento, riferito al volume d’affari, si collega anche all’esonero rispetto al regime speciale degli agricoltori, soggetti che, in definitiva, non produrranno un grosso volume d’affari, e non emetteranno centinaia di fatture ogni mese.

Si parla, poi, dei soggetti non residenti. Questo perché, sempre all’interno delle disposizioni che hanno previsto la necessità di una fatturazione elettronica, si prevede come il nuovo regime si applichi solo tra residenti in Italia, cioè soggetti che siano entrambi sottoposti agli obblighi fiscali previsti all’interno del nostro Paese.

In relazione, infine, ai soggetti che saranno esonerati dall’emissione della fattura elettronica, si prevede comunque la possibilità, di volta in volta, di “rinunciare” alla fatturazione di un tipo o dell’altra tipologia.

Questo vuol dire, quindi, che in alcuni casi sarà possibile ricorrere ad una fattura elettronica, mentre in altre situazioni ci si potrà limitare all’emissione di una fattura così detta “analogica”.

Per capire meglio questo aspetto si può fare un esempio.

Si può pensare a due professionisti: nel caso in cui questi collaborino, ed uno debba emettere una fattura nei confronti della controparte, è probabile che i due soggetti scelgano la fattura elettronica, facile da inviare, da compilare e anche sicura nella sua conservazione.

Qualora, però, il professionista debba avere anche relazioni con i privati, potrebbe scegliere di lasciare da parte la fattura elettronica, e di emetterne una semplicemente cartacea, molto più agevole per un rapporto con un privato cittadino.

Fattura24

Fatturazione elettronica GRATUITA per tutti i piani di abbonamento

Il miglior software per le tue fatture online. Scarica l’App e lavora ovunque e con qualsiasi dispositivo!

SCOPRI DI PIÙ
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Resta aggiornato su questo argomento

Solo contenuti utili. Niente spam.

You May Also Like

Aliquota IRES 2019 al 15%: istruzioni per il calcolo e pagamento F24

La nuova aliquota IRES 2019 sta mobilitando moltissime società, che dovranno imparare…

Ricezione e registrazione della fattura elettronica

La fattura elettronica è un documento destinato ad essere inviato ad un…

Come si compila una fattura elettronica


Vi state occupando di aggiornare il vostro sistema di gestione economica e…

Soggetti obbligati e non alla fatturazione elettronica

La fatturazione elettronica sarà introdotta come obbligo effettivo a partire dal 1°…

Aliquota IRES 2019 al 15%: quali imprese ci rientrano? Ecco i requisiti necessari

Una novità che potrà interessare tantissime imprese per tutto il 2019. Si…